I migliori libri con la montagna in copertina

Aspra o rigogliosa, vertiginosa o in declino, ombrosa o luminosa: esistono tanti modi di descrivere una montagna, così come vari modi di raccontarla. Spesso abbandonata dagli esseri umani, gli animali ne hanno preso possesso velocemente e in modo esteso. Alcuni restano, altri ritornano a popolarla in cerca di tranquillità, isolamento e pace. Ma incontrano anche ostacoli e avversità.

È forse questo il messaggio trasmesso quando una montagna appare in copertina? Terreni selvaggi, natura austera, elementi che raccontano una vita piena di difficoltà? Foreste dense, pareti verticali, massicci inaccessibili che testimoniano la presenza di una natura pronta ad essere la protagonista di un romanzo “estremo”?

La montagna, in tutti i suoi aspetti, osserva, sovrasta anche dalla copertina di un libro, mostra la sua grandiosità. Ma allo stesso tempo offre i suoi versanti come un piccolo paradiso verde in cui ritrovare la serenità.

Sempre più spesso, la montagna viene scelta per rappresentare romanzi che sono dedicati ad essa o per simboleggiare le difficoltà della vita. La vediamo protagonista di biografie in cui l’uomo diventa parte di questo ambiente, quando scala ripetutamente le sue pareti fino a fondersi con essa, oppure diventa simbolo dell’umanità intera, nel momento in cui il profilo delle vette si trasforma in un volto.

Vi proponiamo, quindi, cinque libri che hanno in copertina proprio la montagna. Spetta al lettore decidere quale tra queste rappresentazioni si addica maggiormente ai gusti letterari.

La felicità del lupo, di Paolo Cognetti

La felicità del lupo di Paolo Cognetti racconta di Fausto che si rifugia in montagna per sparire e Silvia che è alla ricerca di se stessa prima di intraprendere un nuovo viaggio. Fausto, quarantenne, e Silvia, ventisettenne, cercano una connessione una notte, mentre l’ambiente di Fontana Fredda si prepara per l’inverno.

A casa e ritorno, di Chris Offutt

A casa e ritorno di Chris Offutt è un’opera che narra le vicende di camionisti, giocatori d’azzardo, pugili dilettanti ed ex detenuti, tutti alle prese con crisi familiari e la sfida di crescere figli altrui mentre estranei si occupano dei loro.

Sotto la pioggia gentile, di Olafur Olafsson

Sotto la pioggia gentile di Olafur Olafsson segue il percorso di Kristófer alla ricerca di una donna che credeva perduta per sempre. Tra l’affascinante Scandinavia e il suggestivo Giappone, il racconto si sviluppa come una riflessione emotiva sulle opportunità mancate e l’incessante eco dei ricordi.

La sera sulle case

La sera sulle case di Eduard von Keyserling offre un ritratto di relazioni complesse e di situazioni amorose complicate, il tutto ambientato in paesaggi colorati e scene di vita quotidiana dettagliate.

Luce della notte

Luce della notte di Ilaria Tuti descrive come Chiara, terrorizzata da un sogno, cerchi conforto nella luce invisibile della notte per orientarsi nel bosco, mentre nel sogno canta per tenere lontano il buio che minaccia di avvolgerla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *